Uve francesi

La Francia vinicola

La Francia è con l'Italia, il paese vinicolo per eccellenza, e a lungo ha avuto il primato indiscusso per qualità, mentre l'Italia si è dovuta accontentare di un secondo posto, non avendo, fino agli anni 60 del Novecento, protetto i suoi prodotti con una legislazione apposita come avevano già provveduto a fare i cugini d'oltralpe. Ma oggi il nostro paese è pronto a scalzare questo primato, approfittando anche di un momento di debolezza ai vertici dell'INAO, l'associazione che determina le scelte in fatto di denominazioni di origine in Francia. E se la Francia deve molto ai Romani per la sua storia viticola, l'Italia deve molto ai francesi per la sua rinata competenza in fatto di vini.

Furono i Romani infatti a coltivare le prime vigne in quella che allora si chiamava Gallia Transalpina, e furono i coloni romani, anche dopo la caduta dell'Impero, a insegnare l'arte del vino ai nostri cugini, che poi continuarono la tradizione nelle numerosissime abazie dei Franchi, primo popolo barbaro a convertirsi al cattolicesimo romano. Durante il Medioevo i francesi avrebbero sviluppato la loro arte vinicola, che sarebbe poi divenuta la più importante al mondo con il Rinascimento, fino ai giorni nostri, grazie a due fatti concomitanti: la riduzione dell'importanza dei prodotti italiani nel mondo, e il mercantilismo inglese, alla ricerca costante di vini, con quelli francesi a portata di “traversata di Manica”. I Francesi poi furono bravissimi nel difendere i loro prodotti con delle legislazioni ad hoc già a partire dall'Ottocento, insieme ad un'attenta strategia pubblicitaria e commerciale, mentre noi italiani avremmo ritardato di un secolo questa scelta fondamentale.

cabernet sauvignon

Formaggio Roquefort francese con uve nere su fondo in legno - 120x80 cm - Belle stampe d'arte tela textile - arte della parete - Cooking & Mangiare

Prezzo: in offerta su Amazon a: 104,95€
(Risparmi 29,05€)


Le uve francesi in passato

Le uve francesi nell'antichità erano poco considerate, avendo il mondo come centro vinicolo il bacino del Mediterraneo e la grande tradizione greca e romana. Le uve con cui fare vini corposi e pieni di sapore erano italiane e greche, mentre quelle francesi, specie provenienti dal nord, erano scialbe e poco saporite, tanto che venivano importati vini dalla Calabria e dalla Sicilia per irrobustire il vino d'Oltralpe. Ma pian piano, affinando le tecniche, i Francesi seppero sfruttare meglio le loro uve, a partire dalle grandi nobili di Borgogna, lo Chardonnay e il Pinot Noir, per iniziare a produrre vini di qualità. A questo si aggiunsero rinnovati e più delicati desideri da parte degli amanti del vino, che trovarono nell'assemblaggio dello Champagne e dei grandi Borgognoni, i vini ideali per le loro tavole, meno cariche di sapori rispetto al passato, a cui si aggiunsero ben presto i Bordeaux.


  • egizi e vino Da quando l'uomo ha calcato questa terra, si è messo alla ricerca dei frutti che la natura aveva da offrirgli per la sua nutrizione, ma da quando ha scoperto anche come manipolare questi raccolti, ha ...
  • Cabernet Franc Il Cabernet Franc è uno dei grandi vitigni nobili a bacca rossa del mondo, conosciutissimo come parente stretto dell'altrettanto importantissimo Cabernet Sauvignon, con cui condivide molte caratterist...
  • Il vitigno Pinot Grigio è il nome che in Italia si da al vitigno francese a bacca bianca Pinot Gris, di gran moda ultimamente, in particola sul mercato inglese, inondato da Pinot Grigio proveniente dalla nostra ...
  • syrah Il Syrah, o Sirah, o Shiraz, a seconda del luogo di coltivazione, è un uva nobile francese che si è ormai diffusa in tutto per la sua qualità. Per i cultori del vino longevo è forse la più nobile, gra...

Joseph de Longueil, Sa Vie--Son Uve - Primary Source Edition

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,51€


Uve francesi: Le uve francesi oggi

semillon Oggi le uve francesi sono le più rinomate e coltivate al mondo, capaci di realizzare autentici capolavori. Basti pensare ai già citati Chardonnay e Pinot Noir, ma anche ai Cabernet Sauvignon, ai Merlot, a tutta la famiglia del Pinot e a molte altre uve non molto conosciute che fanno della Francia un'eccellenza vinicola.

L'uva francese è sinonimo di qualità, e ha ormai conquistato, a differenza di quella italiana, tutto il mondo, con vitigni piantati nei quattro angoli del mondo, dal Cile all'Australia, dal Sud Africa agli Stati Uniti. Ma non sono solo i vitigni ad essere esportati, ma anche enologi e cantinieri francesi, che con ottimi stipendi vengono invitati a collaborare in quei paesi per portare la loro esperienza e conoscenza.



COMMENTI SULL' ARTICOLO