Franciacorta

Franciacorta è il nome delle bollicine più famose d’Italia, un vino spumante DOCG che non ha nulla da invidiare al tanto elogiato Champagne. Il Franciacorta è da tempo riconosciuto nel belpaese e all’estero come una grande specialità italiana, nonché come uno dei migliori vini spumanti del mondo. Esso nasce in un’area estremamente votata alla coltivazione delle viti, in un territorio che vanta una tradizione enologica molto antica. L’ area viticola in cui nasce il magnifico Bollicine italiano porta il suo stesso prestigioso nome, la Franciacorta. Si tratta di una zona al sud del lago Iseo, nella provincia di Brescia particolarmente interessante dal punto di vista enologico. La Franciacorta non è solo la terra da cui nasce il più importante spumante made in Italy, essa è anche specializzata nella produzione di ottimi vini fermi sia bianchi che rossi. La storia enologica della Franciacorta ha un’origine molto antica. Già nel medioevo infatti, ... continua

Articoli su : Franciacorta


ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
    • Prezzi Franciacorta

      franciacorta Molto più di una zona di produzione vinicola, molto più di una regione dedita all’agricoltura, ma un
    • Bellavista

      bellavista Se un turista, proveniente da qualunque nazione d’Europa, ma anche dall’estero, ci dovesse chiedere
    • Cantine di Franciacorta

      cantina C’è chi le considera un ambiente privilegiato dove poter entrare in contatto con un’enologia che non
    • Berlucchi

      azienda Berlucchi, una delle prime cantine a credere nel progetto Franciacorta grazie alla lungimiranza dei suoi fondatori...scopri i suoi vini con noi
    • Bollicine

      bollicine Ci sono modi e modi di bere, ci sono bottiglie e bottiglie: il mondo dell’enologia è vario, affascin
    • Brut Franciacorta

      strada franciacorta Ci sono bottiglie e zone di produzione che rimangono impassibili di fronte al trascorrere del tempo,
    • Ca del Bosco

      ca del bosco Una terra baciata dalla fortuna. Un luogo che la natura ha scelto come teatro per l’ambientazione di
    • La Franciacorta

      franciacorta Ha nel nome, la denominazione di quella che insieme all’Italia rappresenta la terra vinicola più fam
    • Vini della Franciacorta

      paesaggio Quando si accostano le parole Lombardia e Vino, i primi nomi che vengono alla mente sono probabilmen
    ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
      prosegui ... , in questa zona della Lombardia si producevano ottimi vini tranquilli e i primi esempi di vini frizzanti, chiamati “mordaci”. Da ciò possiamo intuire che i vini leggermente mossi sono sempre stati di grande interesse in quest’area. Soltanto con la diffusione in Franciacorta del cosiddetto “metodo classico” proveniente dalla Francia, si è cominciato a produrre quel vino che oggi è conosciuto come uno dei 40 vini spumanti più importanti del mondo. La regione è dunque, una terra molto feconda, specializzata nella produzione del di classici vini da tavola tranquilli denominati “Terre di Franciacorta o Curtefranca” e il rinomato spumante “franciacorta DOCG”. l’origine del nome di quest’area viticola è molto interessante: vi sono diverse teorie in merito. Alcuni credono che il nome franciacorta sia stato attribuito dallo stesso Carlo Magno, altri lo spiegano con il fatto che le Francae curtes erano piccoli paesi e villaggi esenti dal pagamento di tasse in quanto posti sotto la protezione dei monaci benedettini, un’altra ipotesi è che nel dialetto locale curt de franc è un’ espressione per indicare una mancanza di soldi. Tante altre sono le possibili ipotesi che spiegherebbe l’origine del nome di questo territorio bresciano. Fatto sta che già prima del 1300 i documenti del luogo riportavano questa denominazione.

      In realtà il Franciacorta DOCG sta conoscendo soltanto da qualche decennio un’importante diffusione. Attualmente, in poco più di 50 anni ha raggiunto un successo ormai consolidato. Il cosiddetto “bollicine” nasce grazie agli esperimenti condotti da Franco Ziliani su alcuni vini tranquilli prodotti da Guido Berlucchi. L’esperimento consisteva nell’aggiunta di uve Pinot Bianco ad un vino base e a seguire il Metodo classico Francese, lo stesso che veniva impiegato per la produzione dello champagne. Così nasce il Franciacorta, divenuto un vino DOC nel 1967 e riconosciuto successivamente, nel 1995 come DOCG. il successo fu immediato tanto che molti altri produttori della zona cominciarono a specializzarsi nella produzione del Bollicine. Tra i vari produttori che si dedicarono alla produzione dello spumante più importante d’Italia figura di Maurizio Zanella che, come fondatore della sua azienda vinicola denominata la Ca’ del Bosco, ha contribuito enormemente a rendere grande questo vino. Il Franciacorta DOCG è indicato con la sigla Vsqpdr che sta per Vini spumanti di qualità prodotti in regioni determinate. Con questa ulteriore nomenclatura si vuole sottolineare la sua estrema pregiatezza. Gli spumanti Franciacorta posseggono, infatti, un elevato standard qualitativo, ma dal punto di vista qualitativo se ne produce, in tutta la Franciacorta, una ridotta quantità che ammonta a non più di 400 mila bottiglie all’anno. Inoltre l’organizzazione della produzione sul territorio è caratterizzata da piccole aziende che impiegano solo le uve provenienti dai propri vigneti.

      Le caratteristiche organolettiche dello Spumante Franciacorta sono molto varie in quanto vengono utilizzate soprattutto uve Chardonnay, Pinot Bianco e Pinot Nero, ma in generale, il disciplinare di protezione lascia una certa libertà di scelta. L’unico vincolo da rispettare riguarda la modalità di produzione per cui si impone obbligatoriamente il rispetto di tutte le fasi che compongono il metodo classico. Per la realizzazione del Franciacorta nella versione Saten, caratterizzato da un perlage più sottile, il disciplinare vieta l’utilizzo di uve Pinot Nero che è, al contrario, la base degli spumanti rosati. I Franciacorta DOCG devono invecchiare almeno 30 mesi prima di poter essere consumati. La temperatura ideale di servizio si aggira intorno agli 8-10° e lo si consiglia soprattutto in accompagnamento a piatti di pesce, dessert e aperitivi.

      Nella Franciacorta, però, non si producono soltanto ottimi spumanti. I vini Terre di Franciacorta o Curtefranca nascono nella stessa terra. Si tratta di vini a marchio DOC, sia bianchi che rossi, prodotti soprattutto con uve provenienti dai vitigni Chardonnay e Pinot bianco per quanto riguarda i primi e Merlot, Barbera, Nebbiolo, Cabernet Sauvignon e Franc i secondi. La Franciacorta con la sua ampia gamma di vini rappresenta una delle eccellenze italiane nel mondo.

      Nella Franciacorta, però, non si producono soltanto ottimi spumanti. I vini Terre di Franciacorta o Curtefranca nascono nella stessa terra. Si tratta di vini a marchio DOC, sia bianchi che rossi, prodotti soprattutto con uve provenienti dai vitigni Chardonnay e Pinot bianco per quanto riguarda i primi e Merlot, Barbera, Nebbiolo, Cabernet Sauvignon e Franc i secondi. La Franciacorta con la sua ampia gamma di vini rappresenta una delle eccellenze italiane nel mondo.