Uva aglianico

L'Aglianico

L'Aglianico è un uva rossa del sud Italia, molto antica e di introduzione greca, tanto che il suo nome deriva proprio da ellenico. In tempi antichi infatti i popoli greci colonizzarono tutto il sud importando anche le proprie talee. La sua diffusione più estesa è in Campania, ma è diffuso anche in Basilicata, dove trova forse la sua migliore espressione nei fantastici vini del Vulture, aristocratici e di livello internazionale, in Puglia, in Molise e in Calabria. Ma è nelle prime due regioni che l'Aglianico rende al massimo, in quanto preferisce di gran lunga i terreni vulcanici, come quelli campani del Taurasi e il Vulture in Lucania, antico vulcano oramai spento. Qui riesce a regalare vini di rango e di qualità superiore, prossima ai grandi Bordeaux o ai grandi supertuscans e Barolo. Si tratta di vini ricchi e potenti, pieni e dall'olfatto molto complesso, balsamico e animale, fruttato e maturo. Sicuramente l'Aglianico rappresenta una delle eccellenze d'Italia, anche se la sua coltivazione è poco estesa e la sua fama internazionale ancora poco nota specialmente all'estero. Oggi comunque l'aglianico viene coltivato su quasi 15 mila ettari, e almeno in Italia occupa un ruolo di primo piano nella nostra nazione.

aglianico

Calici per vino rosso Stölzle Lausitz Exquisit, 480 ml, servizio da 6, lavabili in lavastoviglie: bicchieri universali per vini rossi ottenuti da numerose varietà d’uva, lavorazione pregiata

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,21€


Le caratteristiche

L'aglianico come detto ama le terre vulcaniche. Esteticamente si presenta con belle foglie di media grandezza, ben larghe e trilobate. I grappoli invece sono di grandezza medio-piccola, con belle forme cilindriche, con una o due ali. Stesse grandezze per le bacche con forma ovale. Grandi concentrazioni di pruina sulle bucce fini ma molto coriacee. Il colore dei chicchi è nero. Il vitigno offre inoltre delle rese molto elevate e regolari, una caratteristica molto apprezzata dai viticoltori che lo coltivano nelle zone fredde e le alte quote dove si trova a suo agio visti i precoci tempi sia di maturazione che di germogliazione. Come nella migliore tradizione campana il sistema d'allevamento utilizzato è l'alberello. Ad eccezione di una piccola sofferenza all'oidio, il vitigno resiste molto bene a tutte le avversità e malattie.


  • egizi e vino Da quando l'uomo ha calcato questa terra, si è messo alla ricerca dei frutti che la natura aveva da offrirgli per la sua nutrizione, ma da quando ha scoperto anche come manipolare questi raccolti, ha ...
  • Cabernet Franc Il Cabernet Franc è uno dei grandi vitigni nobili a bacca rossa del mondo, conosciutissimo come parente stretto dell'altrettanto importantissimo Cabernet Sauvignon, con cui condivide molte caratterist...
  • Il vitigno Pinot Grigio è il nome che in Italia si da al vitigno francese a bacca bianca Pinot Gris, di gran moda ultimamente, in particola sul mercato inglese, inondato da Pinot Grigio proveniente dalla nostra ...
  • syrah Il Syrah, o Sirah, o Shiraz, a seconda del luogo di coltivazione, è un uva nobile francese che si è ormai diffusa in tutto per la sua qualità. Per i cultori del vino longevo è forse la più nobile, gra...

Totoroforet Orecchini pendenti da donna, con Swarovski a forma di uva, colore: champagne

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Uva aglianico: Il vino

L'aglianico può essere vinificato sia in rosso che in rosato, ma comunque sia quasi sempre in purezza dato il suo straordinario carattere. Fornisce infatti vini di grande personalita, cincentrati e ricchi di profumi. Già alla vista il colore è denso, mentre il profumo inizia a sprigionarsi da un cirpo molto strutturato, alcolico e con richiami minerali dell'olfatto. Grandezza e magnificenza espressa dai frutti rossi maturi, dalle spezie, dai tocchi balsamici e dai fiori appassiti. Ma le sorprese non finiscono qui, e l'aglianico riesce a maturare tostature e note animali. Grande presenza di tannini, palato potente. Un vino di gran pregio, da comprare giovane e invecchiare dolcemente in cantina.



COMMENTI SULL' ARTICOLO