Spumanti

Vini diversi da tutti gli altri

Sono vini completamente diversi dai classici vini rossi e bianchi ma, contrariamente a quanto si possa pensare, sono comunque da considerare vini a tutti gli effetti. Stiamo parlando degli spumanti, delle affascinanti bottiglie chiuse dal tappo di sughero e pronte ad esplodere di gioia, in una inebriante miscela di gusto e bollicine. Quando si parla di spumanti si raggiunge un campo tutto da scoprire ed estremamente variegato. In molti credono che basti ammirare le bollicine o sentire il rumore del tappo, per parlare di spumante. Poi, tutti gli spumanti sono uguali a partire da queste caratteristiche. E invece no: non è affatto così, perché di spumanti, in ambito enologico, ce ne sono di diversi tipi, tutti pronti a sorprendere e regalare emozioni gustative.
spumante rose

Ferrari Spumante Trento DOC Metodo Classico Brut 0,75 lt.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,69€


Gli spumanti

spumanti in ghiaccioUna prima distinzione da fare, anche per mettere in guardia fin da subito chi è convinto di poter parlare di spumanti in maniera univoca e intercambiabile, è quella tra spumanti naturali e gassificati. Nel primo caso, parliamo di bottiglie all’interno delle quali l’anidride carbonica arriva per mezzo della rifermentazione del vino di base. Nel secondo caso, invece, l’anidride carbonica viene aggiunta dall’esterno. E’ ovvio che questa distinzione tira in ballo, in maniera neppure tanto indiretta, il fattore qualità. Uno spumante prodotto esclusivamente in base a metodi naturali, e senza l’ausilio di fattori esterni, è un prodotto destinato a far parlare di sé e regalare veramente sollievo. Viceversa, le cose cambiano se si parla di uno spumante artificiale.

  • flutes spumante A guardarli nel bicchiere sembrano tutti uguali: variano nel colore e nell’intensità del perlage, ma le bollicine le hanno tutti. Stiamo parlando di spumante, naturalmente, ovvero di uno dei vanti del...
  • bellavista Se un turista, proveniente da qualunque nazione d’Europa, ma anche dall’estero, ci dovesse chiedere informazioni sulle più autentiche terre del vino rosso in Italia, molto probabilmente gli parleremmo...
  • azienda Ci sono nomi, in ambito enologico ma non solo, che con il passare del tempo sono arrivati a rappresentare solamente l’eccellenza. Sono nomi di cui ci si serve quasi esclusivamente per esemplificare l’...
  • ca del bosco Una terra baciata dalla fortuna. Un luogo che la natura ha scelto come teatro per l’ambientazione di una delle sue più grandi opere, ma anche un patrimonio nazionale e la regione in cui fioriscono aff...

Vini spumanti e frizzanti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,73€
(Risparmi 5,77€)


Spumanti: caratteristiche e metodo di produzione

Un’altra distinzione possibile, anzi necessaria, è quella relativa al metodo di produzione dello spumante. Le bottiglie possono vedere la luce in due modi. In base al metodo Classico, che prevede la rifermentazione in bottiglia del prodotto, e fu messo a punto da un monaco francese di nome Dom Perignon nel XVII secolo. Egli gestiva l’orto di un convento nella zona dello Champagne: è per questo che il metodo classico è anche noto come Metodo champenois: è l’unico sistema di lavoro possibile per produrre lo champagne. L’altro metodo di spumantizzazione fu messo a punto invece nel XIX secolo da Federico Martinotti, enologo piemontese, poi brevettato dal francese Eugene Charmat. Si tratta di un metodo perfetto per la produzione di spumante a livello industriale, in quanto la rifermentazione del liquido non avviene in bottiglia, ma in grossi recipienti d’acciaio. Si tratta di un sistema utilizzato frequentemente dai produttori italiani. Così viene prodotto l’Asti Cinzano, ma così vengono anche lavorate le uve più aromatiche.




COMMENTI SULL' ARTICOLO