Spumante dolce

Il più amato dalle donne

Non tutti ne sono pienamente consapevoli, ma quando ci si sofferma a parlare dello spumante, si accede ad una branca dell’enologia tra le più variegate ed interessanti. E’ un errore grave considerare che esista un solo tipo di spumante, e che le bollicine riescano da sole a fare un buon prodotto. Non è per niente così, e chi la pensa in questo modo è decisamente fuori strada. Per quanto sia vero che un perlage fine ed abbondante sia un emblema fedele di uno spumante di qualità, è altrettanto innegabile che questa è solamente uno dei criteri che lo spumante deve rispettare per essere considerato di buona qualità. Volete capire come fare a riconoscere se lo spumante che si trova nella vostra flute è buono e naturale. Allora fermatevi un attimo a bere, prendete la flute per il gambo sottile, sollevatela ed ammirate il flusso delle bollicine. Sono piccole, abbondanti e frequenti? Se sì, continuate pure a bere, perché avete tra le mani un prodotto eccellente, a dir poco. Qualunque sia il grado di dolcezza del vostro spumante, se questo è contraddistinto da un perlage fine, frequente ed abbondante, vuol dire che è di buona qualità, e probabilmente non lo avete pagato neppure poco.
spumante dolce

Martini Grandi Auguri Spumante Dolce 75 Cl

Prezzo: in offerta su Amazon a: 3,54€


Come si diventa dolci

flute Ma quali sono gli altri criteri che ci aiutano a distinguere tra di loro le bottiglie di spumante? Ce n’è uno particolarmente semplice da gestire e da spiegare, che ha a che fare precisamente con i nostri gusti. Non tutti amano lo stesso tipo di spumante: c’è chi lo predilige secco, chi lo adora dolce, e chi opta per una via di mezzo. Per fortuna, il campo dell’enologia è vastissimo ed accoglie tra le proprie fila, bottiglie appartenenti alle tipologie più varie. Da cosa dipende il grado di dolcezza di una bottiglia di spumante? Dipende dal cosiddetto liqueur d’expedition, una miscela, uno sciroppo che ogni produttore custodisce gelosamente e versa nel prodotto durante le ultime fasi della lavorazione, in quantità che dipendono prevalentemente dalle esigenze personali. Si tratta di un prodotto che determina alla fine la bottiglia di spumante che otterremo.

  • franciacorta Franciacorta è il nome delle bollicine più famose d’Italia, un vino spumante DOCG che non ha nulla da invidiare al tanto elogiato Champagne. Il Franciacorta è da tempo riconosciuto nel belpaese e all’...
  • flute Uno dei temi più caldi e discussi nel panorama dell’enologia nazionale è senza dubbio relativo alla competizione che esiste tra vini bianchi e vini rossi? Quali sono quelli più apprezzati? Dal punto d...
  • flute Uno dei motivi per cui l’enologia italiana gode di un livello di eccellenza, agli occhi degli esperti e dei consumatori europei e, da diversi anni, di tutto il mondo, è la ricchezza e la varietà dei v...
  • franciacorta Ha nel nome, la denominazione di quella che insieme all’Italia rappresenta la terra vinicola più famosa ed apprezzata al mondo, ma con la nazione transalpina, a ben vedere, la Franciacorta ha poco o n...

Martini Asti Docg Spumante Dolce 75 Cl

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,39€
(Risparmi 0,13€)


I vantaggi di uno spumante dolce

Se è vero che, parlando con gli intenditori, viene fuori che lo Spumante Brut, quello secco, è il migliore in assoluto per il grado zuccherino ed alcolico, studi recenti testimoniano che la maggior parte delle donne preferisce lo spumante dolce. E in effetti, quando si parla dello spumante dolce, si allude ad una vera e propria specialità dell’enologia, considerata comunque a torto, da molti, un prodotto di seconda categoria, una distorsione del vero spumante. In questa sede, invece, noi ci sentiamo di dirvi che non è così: lo spumante dolce è anch’esso uno spumante, che per di più riscuote un successo sempre notevole. Qual è l’utilizzo precipuo a cui dedicare lo spumante dolce? Non v’è dubbio, lo si deve consumare in accompagnamento ai desserts, o comunque alla fine dei pasti. Un buono spumante dolce è capace di alleggerirci dopo una cena non esattamente leggera, ma anche di deliziare il nostro palato e le nostre papille gustative, lasciandoci una bocca profumata e gradevole.


Spumante dolce: Dall'Extra Dry al Doux

Guardando nel dettaglio la scala di dosaggio dello spumante, ovvero lo schema che divide gli spumanti in base al grado zuccherino, ci accorgiamo che non commettiamo un errore se affermiamo che dall’Extra Dry in poi possiamo sempre parlare di spumante dolce. L’Extra Dry ospita nello specifico una quantità di zucchero variabile dai dodici ai venti grammi per litro, ed è considerata una delle tipologie più autentiche ed apprezzabili in assoluto. In effetti, le migliori marche di spumante producono soprattutto Extra-Dry, un prodotto contraddistinto dal giusto grado di equilibrio tra dolcezza e ruvidità. A sentire il nome, pare di trovarsi di fronte allo spumante più asciutto che c’è, ma a ben vedere quando si parla di Sec, si fa riferimento ad uno degli spumanti più dolci e gradevoli in assoluto. In fase di dosaggio, all’interno di questo prodotto vengono versati dai 17 ai 35 grammi di zucchero per litro. E’ senza dubbio lo spumante secco che tende al dolce in maniera più decisa ed inequivocabile: sebbene non siamo ancora nell’ambito dei vini da desserts, possiamo consigliarlo senza remore in accompagnamento alla pasticceria secca e ai formaggi stagionati. Le cose cambiano in questo senso quando ci mettiamo a parlare dell’abboccato per eccellenza, lo Spumante Medium Dry o Demi Sec, caratterizzato da una quantità di zucchero variabile addirittura tra i 33 e i 50 grammi per litro. Con l’esame di questa tipologia di spumante abbiamo ufficialmente raggiunto il campo dei vini da desserts, perché il Demi Sec è senza dubbio un prodotto perfetto per i dolci, per le torte, le macedonie e i prodotti a base di frutta. Il Doux (dal francese Dolce), è lo spumante più zuccherato in assoluto, capace di ospitare anche più di 50 grammi di zucchero al litro, e perfetto in accompagnamento a torte, dolci, macedonie e prodotti a base di cioccolato. Vanta un gran numero di estimatori, appartenenti soprattutto alla sfera femminile, ed è apprezzato anche come vino da meditazione.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO