Bombino Bianco

Il vitigno

Il Bombino Bianco è un'importante vitigno a bacca bianca dell'Italia meridionale e centrale, particolarmente diffusa in Puglia ma anche nelle regioni centrali, anche se qui riveste un ruolo minore rispetto a quello ricoperto nel tacco della penisola. In Abruzzo invece trova molti estimatori ed estese coltivazioni, e qualche esperto azzarda qualche accostamento con il famoso Trebbiano d'Abruzzo, che però fornisce risultati vinicoli più acidi. La similitudine è comunque molto forte anche con altre uve bianche del centro, tanto che si utilizzano vari sinonimi riconosciuti come identitari del Bombino, tra cui Pagadebit e Straccia Cambiale che ne attestano l'antico utilizzo per i pagamenti in Emilia Romagna. Il vitigno infatti fornisce rese elevatissime che garantivano i mezzi di pagamento. Nel Lazio il sinonimo utilizzato è Bonvino, ma non per la sua qualità, piuttosto per la sua quantità. Per dare dei risultati soddisfacenti il vitigno deve essere quindi limitato nelle rese, come avviene in Abruzzo. La sua origine non è stata mai identificata, anche se qualcuno la ipotizza spagnola, e le prime testimonianze scritte sono solo del 1925, ad opera di Acerbi che lo posiziona nei dintorni di Roma. Il vitigno ha dei grappoli di dimensioni medio-grandi a forma conica, sovente con ali e densità a semi spargolo. Le bacche si presentano sempre con grandi dimensioni e perfettamente rotonde, dalla buccia spessa e coriacea dai colori gialli tendenti al verdognolo. Si usa coltivarlo su terreni ricchi di scheletro, con buona presenza sia di calcare che di silicio. I sistemi di allevamento migliori sono quelli con potatura corta, proprio per limitarne la produzione. Preferisce le buone esposizioni, anche se non ha particolari problemi con le brinate. Si segnalano invece sofferenze con la peronospora e altre malattie.

bombino bianco

Bacca Rara 2015 Torrevento Bombino Bianco Chardonnay IGT

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,94€


I vini del Bombino Bianco

Il Bombino Bianco se non controllato nelle rese dà luogo a vini scialbi, neutri e leggeri. Quando invece ben vinificato e limitato al minimo delle rese acquista qualità, e conservazione, con buoni vini che possono, come in Abruzzo, colpire l'attenzione degli appassionati. Negli ultimi decenni si sta cercando sempre più qualità, relegando i vini neutri dal Bombino al solo mercato tedesco.

In genere i vini sono freschi e fruttati, e trovano molti abbinamenti. Le buone vinificazioni hanno ottenuto la protezione delle denominazioni di origine, come in Emilia-Romagna con il Pagadebit di Romagna DOC, o il Colli Romagna Centrale DOC, mentre in Puglia lo si vinifica nel Leverano DOC, nel San Severo DOC e nel Castel del Monte Bombino Bianco DOC. Viene prodotto anche in versione spumante, dove in Puglia riesce a raggiungere un'ottima qualità.


  • Forastera La Forastera è un vitigno a bacca bianca di cui non si conosce l'origine ma solo la storia recente, che la vede importata nelle isole della costa campana, in particolare Ischia, per salvare e riempian...
  • Uva di Troia L'Uva di Troia è un famoso vitigno autoctono pugliese, a bacca nera, meglio conosciuto nella regione con il nome di Nero di Troia. Ci sono varie ipotesi sulla sua origine. La più comune la vuole natia...
  • bonarda La Bonarda è un vitigno piemontese a bacca rossa, autoctono della zona che viene coltivato anche con altri nomi prevalentemente nella bassa Lombardia e in Emilia Romagna. Come molti vitigno piemontesi...
  • carricante Il Carricante è un vitigno a bacca bianca autoctono della Sicilia, una volta molto diffuso e oggi coltivato solo nell'area dell'Etna, in provincia di Catania. Deve il suo nome con molta probabilità al...

BOMBINO BIANCO MASSERIA FARAONA CL 75 CASTEL DEL MONTE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,4€


I produttori

Probabilmente il migliore Bombino Bianco in purezza è lo spumantizzato D'Araprì Riserva Nobile, dell'omonima azienda pugliese, specialista del Bombino con i suoi quattro spumanti di grande qualità. Questo spumante in particolare, al top della gamma, esprime profonde sensazioni di nocciola e biscotti al burro, rinfrescate da tocchi minerali e dalla presenza di un fondo di cedro. Il palato risulta cremoso ma dotato di freschezza e persistenza. È da provare con piatti di livello come l'aragosta in insalata.




COMMENTI SULL' ARTICOLO