Potatura uva da tavola

La potatura dell'uva da tavola

Quando si parla di potatura dell'uva si parla di un sistema d'allevamento essenziale per fornire ai chicchi forme e dimensioni adeguate allo scopo che si intende raggiungere. Per quel che riguarda l'uva da tavola la potatura è atta a raggiungere il giusto grado zuccherino delle bacche e grandi dimensioni, ricercate dal consumatore. La potatura è sempre manuale con la scelta delle parti da eliminare per raggiungere l'ottimizzazione delle crescite. Si inizia quindi con la scacchiatura dei germogli che consente quindi il successivo diradamento dei grappoli e l'eliminazione degli acinini, ovvero degli acini piccoli che non riescono a maturare per molteplici problemi, anche se spesso la causa è climatica, con un eccesso di piogge nei periodi di impollinazione e fioritura. La potatura oltre ad essere fondamentale nella gestione e nella qualità delle uve rappresenta anche una voce non indifferente tra i costi di produzione. Tra questi costi di potatura, il più influente riguarda appunto gli acinini. Questi dipendono dalla qualità dell'uva, e dalla sua precocità che influisce negativamente. Per evitare il fenomeno degli acinini e l'uso intensivo della potatura i produttori possono coltivare quindi specie tardive ed evitare costi.

uva

Uva 'Vanessa', Vitis vinifera im 3l Pentola 80-100cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,95€


I tipi di potatura

La potatura si può effettuare secondo vari metodi, di cui il più usato è la potatura secca, che viene effettuata nella stagione fredda durante il riposo vegetativo. Con questo metodo si lasciano 4 capi-frutto per la lunghezza pari a 8 gemme. Vengono lasciati anche alcuni speroni che arriveranno a generare un numero massimo di 50 gemme per ceppo. La potatura secca coinvolge vari periodi dell'inverno. Alla fine di ottobre vengono potati i tralci ma non le femminelle. A fine inverno inizio primavera, con il germogliamento, si effettuano invece le potature corte per l'eliminazione di molte parti verdi. Tutte le energie della pianta verranno quindi indirizzate sulle gemme lasciate in modo da avere il giusto numero di fiori e quindi di grappoli. Vengono lasciate quindi solo le gemme apicali per costringere la vite a ripetere la fase primaverile e sviluppare nuove gemme.


  • uva vittoria L'uva da tavola presenta delle differenze dall'uva da vino, pur essendo appartenenti alla stessa famiglia botanica, la Vitis Vinifera, con alcuni sconfinamenti nella Vitis Lambrusca.Infatti sono poc...
  • pizzutella L'uva Pizzutella è un vitigno bianco da tavola molto antico, autoctono dell'Italia. Esiste anche una varietà a bacca rossa ma è rara e poco coltivata. D'altra parte le varietà rosse sono sempre in min...
  • Uva Vittoria L'uva da tavola è quell'uva appartenente alla vitis vinifera che non ha buoni risultati nella vinificazione, sia per caratteristiche che per tipo di allevamento. Chiaramente rappresenta una parte impo...
  • Uva Mazzarrone L'Uva Mazzarrone è un'uva da tavola autoctona dell'Italia tra le più apprezzate e ricercate dai consumatori. Vitigno a bacca bianca, la Mazzarrone ha un origine siciliana, terra che ancora oggi ne ha ...

1 Pianta di Uva Fragola Bianca Epoca di Maturazione Fine Agosto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Potatura uva da tavola: Il risultato finale

Il risultato di queste potature è la conservazione delle gemme e degli speroni per l'anno successivo mentre allo stesso tempo i migliori acini conseguono la maturazione ottimale dell'anno in corso. Inoltre le energie sono indirizzate alla concentrazione degli zuccheri, con grappoli dal peso e dalle dimensioni maggiori, e gli zuccheri a sostituire tutti gli acidi, con risultati finali diametralmente opposti alle potature delle uve da vino.


Guarda il Video
  • uva pizzutella Una delle coltivazioni più tipiche della penisola italiana è quella della vite e dell'uva. Ce ne sono molteplici varietà
    visita : uva pizzutella

COMMENTI SULL' ARTICOLO