Coltivazione uva da tavola

L'uva da tavola

L'uva da tavola non è la stessa che viene sfruttata per la vinificazione, pur appartenendo alla stessa grande famiglia, la vitis vinifera, e pur avendo chiaramente caratteristiche molto simili. Quel che varia è essenzialmente la varietà, tra le tantissime a disposizione nel mondo, si dice addirittura migliaia. Un frutto speciale come l'uva infatti ha nei millenni prodotto tantissimo sottotipi e diverse selezioni, creando cosi un affascinante mondo a parte nel panorama ortofrutticolo mondiale. Per quel che riguarda il consumo da tavola vengono sfruttate, anche se molto raramente, anche l'americana vitis lambrusca mentre le altre americane non vengono piu utilizzate da molto tempo. Le varie vitis riparia, rupestris e la belardieri infatti sono state sfruttate solo come portinnesti nella tragica epidemia dell'Ottocento, quella della filossera che mise a rischio di estinzione le viti europee. Queste varietà americane hanno una scarsa qualità, e una volta fatta salva la famiglia europea, non vi erano più le condizioni per sfruttare le famiglie d'oltre oceano.

uva

Le delizie dell'uva da tavola. Antiche varietà per la coltivazione amatoriale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€
(Risparmi 0,01€)


La coltivazione

Comunque le varietà della vitis vinifera che vengono utilizzate per la vinificazione non sono le stesse usate per il consumo da tavola, e non hanno nemmeno lo stesso tipo di coltivazione, anche se chiaramente simile. Le varietà specifiche per l'uva da tavola sono coltivate piuttosto a sud, in quanto necessitano di alte concentrazioni di zuccheri e quindi di maturazioni piene. Vi sono anche delle varietà “fredde”, che resistono bene a settentrione, ma è il meridione a fare la parte del leone. La maturazione e la concentrazione zuccherina è infatti la maggiore differenza tra uva da tavola e uva da vino, sia nella coltivazione che nella scelta delle varietà. Il vino infatti ha bisogno di acidità per compiersi, mentre invece a tavole c'è bisogno di dolcezza al palato. Le uve da tavola allora vengono coltivate con dosaggi organici più alti, utilizzando più humus e più torba, che forniranno più minerali alla fotosintesi che costruisce appunto gli zuccheri e i nutrienti. È quindi un tipo di coltivazione che sfrutta di più il letame e i fertilizzanti in generale, sia chimici che naturali. Anche la potatura viene indirizzata alla concentrazione degli zuccheri.


  • coltivazione uva Per ottenere del buon vino è importante che tutte le fasi della coltivazione dell’uva vengano eseguite correttamente. A seconda della tipologia di vitigno possono esservi delle differenze nell’esecuz...
  • uva vittoria L'uva da tavola presenta delle differenze dall'uva da vino, pur essendo appartenenti alla stessa famiglia botanica, la Vitis Vinifera, con alcuni sconfinamenti nella Vitis Lambrusca.Infatti sono poc...
  • pizzutella L'uva Pizzutella è un vitigno bianco da tavola molto antico, autoctono dell'Italia. Esiste anche una varietà a bacca rossa ma è rara e poco coltivata. D'altra parte le varietà rosse sono sempre in min...
  • Uva Vittoria L'uva da tavola è quell'uva appartenente alla vitis vinifera che non ha buoni risultati nella vinificazione, sia per caratteristiche che per tipo di allevamento. Chiaramente rappresenta una parte impo...

ZHM 2 pcs 2.3 m 66 Foglie Finti Uva Foglie di Vite Piante Artificiale Fiori per la cerimonia nuziale per la decorazione domestica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,89€


Coltivazione uva da tavola: L'arenile e la moltiplicazione

La moltiplicazione delle uve avviene in genere per talea, ma non manca la semina e la clonazione. L'arenile italiano dell'uva da tavola è la Puglia, una regione che in se concentra il grosso della produzione, seguita dalla Campania. Altra regione attiva in Italia è il Lazio. Più a nord l'uva viene coltivata invece solo a scopo di vinificazione.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO