Olivo frangivento

Le piante frangivento

Le piante Frangivento sono costituite generalmente da alcuni tipi di alberi, e raramente arbusti, che vengono coltivati ed allevati secondo una struttura geometrica ben definita in modo che protegga altre piante più preziose da venti particolarmente dannosi. Si delinea quindi una distribuzione “a filare” generalmente densa e fitta per riparare le altre piante in una specie di perimetro delineato. Infatti viene chiamata anche “cintura di riparo arborea”. Si predispone quindi una sorta di muraglia che riesce a ridurre notevolmente la velocità del vento per proteggere le piante disposte dietro per una distanza che viene in genere calcolata come 10 volte maggiore a quella dell'altezza degli alberi protettori. Il frangivento può essere quindi considerata una vera e propria tecnica utilizzata già in antichità, e oggi, come ieri, alcune aree dispongono filari lunghi anche diversi chilometri in aree particolarmente ventose per recintare grandi appezzamenti di terreno.

Si utilizzano piante sia vive che morte, in quanto generalmente non sono coltivate a scopo produttivo e fruttifero, che vengono spesso rafforzate con pannelli e/o strutture sia metalliche che legnose. Naturalmente la barriera arborea deve essere trasversale alla direzione del vento, ed anche semi-impermeabile. In aiuto delle barriere costruite da alberi frangivento vengono anche le integrazioni con la piantumazione di arbusti.

olivo frangivento

Merino Wool One-Layer Beanie Buff berretto da sci beanie in lana Taglia unica - oliva

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,99€


Le piante

Anche se vengono utilizzate anche piante morte, in genere si preferisce la coltivazione di piante sempreverdi vive, molto resistenti ai venti e in particolare alla salsedine, in quanto spesso queste aree molto ventose si trovano appunto sulle coste. Le altre caratteristiche necessarie per l'utilizzo dell'albero come frangivento sono una forte rusticità, una crescita rapida e vigorosa e radici forti e ben radicate nel terreno. Tra le piante più utilizzate al mondo vi sono l'eucalipto, il pioppo, il cipresso dell'Arizona, la Cryptomeria del Giappone e in Italia l'ulivo cipressino, che per questa sua predisposizione viene chiamato anche frangivento, diffuso in particolare in Sardegna. Questo può anche produrre frutti da sfruttare.


  • olivo concimazione La concimazione dell’olivo è una procedura di cui non si parla spesso, ma che ha un peso specifico notevole nella produzione dell’olio.infatti, come in ogni alta pianta da frutto, anche l’olivo ha l...
  • olivo innesto L'innesto olivo si caratterizza per garantire delle notevoli opportunità di attecchimento e, allo stesso tempo, un'ottima qualità di per quanto riguarda la produzione.La pianta di olivo non predilig...
  • olivo coltivazione Per quanto riguarda la coltivazione olivo, la prima cosa da ricordare è che questa pianta si sviluppa alla perfezione in un terreno particolarmente profondo, ma anche non eccessivamente argilloso (al ...
  • olivo foglie L'olio di oliva è un ottimo ed efficace lassativo: si tratta, senza ombra di dubbio, di un'efficace cura per tutti coloro che soffrono di emorroidi. Il consiglio è quello, in questi casi, di assumere,...

Mil-Tec BW Moleskin giacca Oliva Taglia M Reg (7)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,9€


Olivo frangivento: L'olivo cipressino

Il Cipressino è una cultivar italiana detta anche frangivento, che si trova in Sardegna e anche in Puglia, la patria dell'olio d'oliva. Oggi viene sempre meno sfruttato come frangivento per avviarlo alla produzione di olio. Come cultivar è molto recente e compare solo a partire dal 1960 dalla zona di origine individuata in Pietrafitta di Palagiano, in Puglia, per cui viene chiamato anche ulivo di Pietrafitta. L'inizio dello sfruttamento come pianta da olio è iniziato poi in Sardegna.


Guarda il Video
  • olivo cipressino La coltivazione dell'olivo Cipressino è presente soprattutto in Puglia ed in Sardegna. Si tratta di una varietà alquanto
    visita : olivo cipressino

COMMENTI SULL' ARTICOLO