Olivo di Boemia

L'olivo di Boemia

L'olivo di Boemia è un arbusto che in alcune forme si presenta come piccolo albero non facente parte della famiglia dell'olivo, l'Olea Europea. Questa infatti fa parte della famiglia delle Elaeagnaceae con il nome scientifico di Elaeagnus angustifolia, ed è conosciuto anche come olivo di Russia o albero d'argento. In alcune aree viene chiamato olivigno e albero del paradiso. Non fa parte dunque di nessuna cultivar e non produce olio, ma è in genere un piccolo albero o arbusto. Infatti sono 45 le specie conosciute. In genere ha foglie caduche con comportamenti espansi che hanno una forte somiglianza con il vero olivo. I rami hanno una certa somiglianza con il salice. La pagina inferiore delle foglie è però coperta di squame di color argento, e da qui il nome di albero d'argento. Anche i fiori hanno questi colori, o gialli, con fioritura che va da maggio a luglio. I fiori poi si trasformano in frutti commestibili di eguale colore. L'olivo di Boemia sembra avere origine in Asia dove era conosciuto nelle aree fredde. In Italia non trova molta diffusione, e per lo più per scopi ornamentali nei parchi. Viene anche usata nelle zone costiere per proteggere altre colture dai venti marini.

olivo di boemia

Julia & Joy portagioie placcato argento, colore: verde oliva, con cristalli di Boemia a forma di cuore con zirconi, collana Woment J371

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,8€


Habitat

L'olivo di Boemia per queste caratteristiche vede infatti l'habitat naturale nelle dune marine. Si tratta quindi comunque di una pianta esotica che riesce a raggiungere gli 8 metri di altezza. Le foglie sono lunghe tra i 5 e i 10 centimetri, rassomiglianti a quelle del salice più che a quelle dell'olivo. Si presenta con una chioma tonda e di bella densità, con rami spinosi. I fiori gialli, o argentati, hanno un forte profumo di vaniglia, molto apprezzato per gli scopi ornamentali. Per le sue caratteristiche la pianta comunque è un'esotica atipica in quanto non soffre le condizioni estreme di temperatura, entrambe, sia il freddo che il caldo, se cresciuta su un terreno ben drenato come quello dunoso e sabbioso del mare o in alternativa sull'argilla.

Per tutte queste sue caratteristiche, è una pianta che cresce bene dappertutto in quanto resiste sia alla siccità sia al freddo a condizione di trovare un terreno sabbioso o argilloso.


  • olivo concimazione La concimazione dell’olivo è una procedura di cui non si parla spesso, ma che ha un peso specifico notevole nella produzione dell’olio.infatti, come in ogni alta pianta da frutto, anche l’olivo ha l...
  • olivo innesto L'innesto olivo si caratterizza per garantire delle notevoli opportunità di attecchimento e, allo stesso tempo, un'ottima qualità di per quanto riguarda la produzione.La pianta di olivo non predilig...
  • olivo coltivazione Per quanto riguarda la coltivazione olivo, la prima cosa da ricordare è che questa pianta si sviluppa alla perfezione in un terreno particolarmente profondo, ma anche non eccessivamente argilloso (al ...
  • olivo foglie L'olio di oliva è un ottimo ed efficace lassativo: si tratta, senza ombra di dubbio, di un'efficace cura per tutti coloro che soffrono di emorroidi. Il consiglio è quello, in questi casi, di assumere,...

Chiaro Verde Oliva Goccia di Vetro ceco Perle di Boemia 10mm x 5mm 40pcs

Prezzo: in offerta su Amazon a: 2,52€


Olivo di Boemia: Altre caratteristiche e coltivazione

Sono 45 le specie facenti parte del genere della Elaeagnus, tutte sempreverdi e tutti arbusti che possono raggiungere fattezze di piccoli alberi. Tutte queste piante si possono adattare a tutti i terreni e vengono sfruttate al solo scopo ornamentale, anche se i loro frutti sono commestibili. Questo arbusto è molto vigoroso e rustico e quindi non richiede particolari esigenze. L'unica necessità è solo l'esposizione solare che deve essere piena o al limite semiombreggiata. Puo essere coltivata anche al freddo, con qualche grado al di sotto dello zero. Si consiglia di innaffiarlo anche se l'arbusto riesce a superare i periodi di siccità nei periodi caldi.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO