Esame olfattivo

L'incontro con le proprietà organolettiche

Posta l’importanza imprescindibile dell’esame visivo, al fine di conoscere di primo impatto le caratteristiche organolettiche di un vino, la tappa successiva è di quello che ci servono a rompere il ghiaccio con il nostro prodotto, a conoscerlo più da vicino, ad innamorarci di lui e giudicarlo per quanto vale: è l’esame olfattivo. Sono tantissimi i sommelier convinti che al semplice annusare di un vino, si capisca praticamente tutto, compreso se valga o meno la pena di procedere all’analisi gustativa. Dall’olfatto, intendiamo se abbiamo di fronte un buon vino o un prodotto di scarsa qualità. Tuttavia, malgrado l’importanza acclarata di imparare a riconoscere l’odore di un buon vino, c’è ancora chi è convinto che l’unico modo per riconoscere la qualità di una bottiglia sia versarla all’interno di un calice e provarla in bocca. C’è, in altre parole, chi considera che solamente assaggiando un vino si possa arrivare ad apprezzarlo.
esame olfattivo

Relaxdays Accessori Bagno Bicchiere igiene Dentale portaspazzolini Dispenser Sapone portasaponetta Scatola Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49,59€


L'esame olfattivo

Beh, non è così, sulle righe di questo sito lo ribadiamo, perché in un vino si possono riconoscere sfumature odorose di numero incommensurabile rispetto alla rosa dei sapori. Imparare ad apprezzare il profumo e la complessità odorosa di un vino è un passo necessario per giungere all’acquisizione di una competenza pressoché completa. Basti pensare che i “nasi” più sviluppati sono arrivati a distinguere qualcosa come 400.000 note odorose differenti a proposito del vino. Numeri che hanno dell’incredibile, senza mezzi termini, ma soprattutto che testimoniano l’importanza da non sottovalutare dell’esame olfattivo.

  • sommelier Il sommelier è una figura affascinante dalle interessanti competenze. Chi comincia come appassionato di vini cerca di specializzarsi nella degustazione di questi prodotti per apprezzarne meglio le car...
  • Cosa-fare-se-non-si-ha-una-cantina Se si è degli esperti bevitori il sogno più grande sarebbe quello di possedere una cantina ricca di importanti bottiglie e ben organizzata, ma non sempre ciò è possibile, soprattutto quando si vive in...
  • set enologico E’ il sogno più ricorrente tra coloro che con il tempo hanno imparato a fare dell’enologia una materia limitata semplicemente al piacere di bere bene, ma addirittura una passione e un ambito di studio...
  • degustazione vino Se siete adulti vi sarà sicuramente capitato di ascoltare la frase: “Se sei solo ed hai sete, non bere vino”. Una frase estremamente semplice, che tuttavia racchiude tanto delle caratteristiche di un...

Borgonovo Confezione 6 calici in Vetro Birra Sommelier cl40 Arredo Tavola, Trasparente

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,79€


Esame olfattivo: C'è sentire e sentire...

Ci sono due modi di “sentire” il profumo e l’odore del vino. Lo si può fare per inspirazione diretta, ovverosia annusando il vino in modo profondo fino a farlo arrivare nei polmoni. Di quello che tiriamo su, infatti, solamente una piccola parte sollecita direttamente l’olfatto e le cavità nasali, mentre la parte più importante arriva direttamente nei polmoni. Il secondo modo di sentire l’odore di un vino è l’esame retro-nasale, che funziona per espirazione e comincia in seguito alla deglutizione del vino. In questo momento, quando abbiamo il vino in bocca, quasi tutte le percezioni che sentiamo non riguardano il gusto, bensì l’olfatto. Contrariamente a quanto si possa pensare, e come vedremo nella sezione apposita, l’apparato gustativo interviene solamente in maniera ridotta nell’esame delle caratteristiche organolettiche di un vino. Una cosa è certa: all’interno di un calice di vino ci sono talmente tante di quelle sfumature aromatiche, talmente tanta di quella ricchezza, che è pressoché impossibile apprezzarla per intero.



COMMENTI SULL' ARTICOLO