Vini doc e docg

Doc e docg: differenze

Qual è il fattore che consente l’attribuzione, ad una bottiglia di vino, dell’etichetta Doc o Docg? Cosa vuol dire, al di là dell’acronimo, questa sigla in termini di qualità effettiva? E’ una domanda che un bevitore appassionato, un uomo che ha a cuore lo sviluppo e l’approfondimento dell’enologia non può non porsi. La risposta che viene da dare a primo impatto, tra le pagine di questo sito, è assimilabile ad un termine semplice semplice: qualità. Un vino diventa doc o docg solamente se è un buon vino e se ha qualcosa di speciale che contribuisce in maniera essenziale a renderlo diverso da tutti gli altri. Non a caso, queste sigle sono diventate di uso comune – ma sempre per la stessa ragione, il certificato di autenticità – anche in ambiti che non ha nulla a che spartire con il vino e l’enologia.
marchio docg 2

Geo4map 9788869851124 Mappa dei Vini DOC e DOCG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17€


Vini doc e docg

barolo doc Qual è la caratteristica essenziale dei vini doc e docg? Oltre alla già menzionata qualità, questi vini hanno il pregio di vedere la luce in zone di produzione non particolarmente ampie, abbastanza raccolte e chiaramente delimitate geograficamente. Sono vini di origine controllata perché nascono in territori facilmente controllabili e a cui è possibile dare un confine preciso. I disciplinari di produzione e le leggi europee in vigore in materia vinicola sanciscono senza mezzi termini che questi vini vengono prodotti in zone di piccole o medie dimensioni, in accordo a quanto ordinato da regole precise. Qualità, territorio, rispetto della legge: sono i tre must a cui un vino doc non può sottrarsi; l’ultimo punto è relativo in special modo alle uve e ai vitigni utilizzati per la produzione, che non possono essere di più tipi, ma piuttosto afferenti ad una specie precisa.

  • vino rosso basilicata Tutti sanno che il sud dell’Italia è un territorio molto antico e ricco di tradizioni radicate nel tessuto sociale da ormai anni e addirittura secoli. Gli usi e i costumi, per non parlare dei prodotti...
  • vino rosso calabria La Calabria è una delle regioni dell’Italia posta più a sud e assieme alla Sicilia e alla Puglia rappresentano il limite meridionale della nostra penisola, così simile alla forma di uno stivale. La Ca...
  • vino rosso emilia romagna L’Emilia Romagna è da tutti ritenuta la terra dell’abbondanza e della cucina casareccia. In effetti questa regione si contende insieme ad altre il primato della migliore cucina italiana per la presen...
  • vino rosso friuli venezia giulia Il Friuli Venezia Giulia è da sempre conosciuto come la patria dei vini bianchi. Da un punto di vista quantitativo, infatti, la maggior parte dei vini prodotti proviene da vitigni a bacca bianca. Solt...

Il libro completo del vino. Con tutte le descrizioni e i dati aggiornati dei vini DOC e DOCG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,42€
(Risparmi 4,48€)


L'evoluzione della specie

Per quanto riguarda i vini docg, possiamo dire in introduzione che essi rappresentano l’evoluzione della specie: nel senso che prima di essere dei docg sono stati dei doc. Andando nel dettaglio, diciamo che un vino diventa a denominazione di origine controllata garantita, dopo cinque anni trascorsi da Doc (vino a denominazione di origine controllata). I vini diventano docg dopo questo periodo di tempo, perché vengono riconosciuti prodotti di pregio in riferimento alle caratteristiche organolettiche e qualitative che possiedono. L’utilizzo della denominazione Docg non è consentita dalla legge ai vini che siano stati prodotti mediante l’utilizzo di vini non autorizzati e non riconosciuti superiori, dal punto di vista della provenienza geografica. Chiudiamo con una curiosità che distingue i vini doc dai docg: per questi ultimi sono previsti una produzione più ampia e un livello zuccherino più elevato.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO