Le sottodenominazioni

Orientarsi in ambito vinicolo...

La maggior parte degli appassionati di vino ed enologia, e moltissimi sommelier, fanno fatica a ricordare perfettamente tutti i vitigni italiani e le zone di produzione a cui legare una particolare bottiglia di vino. Figurarsi quanto è difficile orientarsi in questo ambito per un amatore…Il territorio italiano è contraddistinto da una varietà e da una ricchezza di vitigni e zone di produzione tali da fare invidia praticamente a tutti i paesi del mondo: tenerli tutti sotto controllo non è affatto un compito facile, e il rischio di perdersi tra doc, docg, dop e igt, è sempre dietro l’angolo. Innanzitutto, è necessario capire bene quale sia il significato preciso di questi acronimi ed imparare a giudicarli per questo che sono (per questo vedere le sezioni dedicate sul nostro sito). La fase successiva può essere rivolta allo studio e all’approfondimento di quelle denominazioni e di quelle sigle che risultano al bevitore medio meno conosciute.
bottiglie sottodenominazioni

Giacondi - Vino Rosso Merlot - Non-Vintage - 750 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,75€
(Risparmi 0,05€)


Le sottodenominazioni

bonarda Già, perché se si desidera arrivare ad una conoscenza se non completa quantomeno abbondante del capitolo enologia, è necessario sapere fin da subito che le sigle doc e docg non si esauriscono alla menzione semplice di loro stesse, ma sono arricchite da numerose “sottodenominazioni”. Questa diramazione è relativa agli uvaggi, ovverosia alla qualità e alla provenienza dell’uva utilizzata per la produzione del vino. Un esempio che possiamo prendere in considerazione in questa sede è quello dei Colli Piacentini, che in generale sono contraddistinti dall’acronimo Doc (di origine controllata), ma lascia spazio a diversificazioni. Esistono, fra le altre, la sottodenominazione Colli Piacentini Vin Santo, un vino prodotto mediante l’utilizzo di uve aromatiche come la Malvasia, la Candia e il Sauvignon, oppure possiamo parlare della sottodenominazione Colli Piacentini Vino Novello, che vede la luce mediante la lavorazione di uve Barbera, Croatina o Pinot Nero.

  • vini più bevuti L'Italia è la patria del vino. La vite è sempre stata presente sul territorio italiano grazie alla conformazione del suo territorio, estremamente variegato, e al suo clima temperato. Le lunghe distese...
  • uva Si parla tanto di vino, della sua preparazione, della sua conservazione e dei migliori metodi attraverso i quali si possono ottenere dei raffinati prodotti. Ma il lavoro umano, che pure è indispensabi...
  • comprare vino Il vino è, come sappiamo, una bevanda alcolica che si ottiene dalla fermentazione del mosto d’ uva. Le traccie della presenza del vino non sono semplicemente storiche, ma addirittura millenarie; affon...
  • vino bianco e uva Il vino è tra le bevande più bevute e apprezzate al mondo. Potrebbe sembrare esagerato, ma chi ama il vino e ne conosce tutti i segreti, sarà d’accordo nel pensare che il termine bevanda, in questo c...

Manuale di certificazione delle qualifiche delle compagnie assicurative. Secondo i principi dell'European Qualifications Framework (EQF) ed il decreto ministeriale 30 giugno 2015

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25€


Sottodenominazioni varietali

Si parla di sottodenominazioni varietali quando il vino viene prodotto servendosi di un solo vitigno base presente in percentuale dominante, e in piccola parte utilizzando uve differenti, ma senza ombra di dubbio, tra tutte, le sottodenominazioni più importanti e conosciute sono quelle geografiche, ossia relative a distinzioni che hanno a che fare con i luoghi. Rimanendo ancorati all’esempio dei Colli Piacentini, possiamo introdurre alcune sottodenominazioni di questa categoria , parlando del Colli Piacentini Val Trebbia o del Colli Piacentini Vin Santo di Virolego, giusto per citare quelli più famosi.




COMMENTI SULL' ARTICOLO