Olio extravergine italiano

Olio extravergine

L'olivo, e quindi l'olio di oliva, è di origine mediterranea, e probabilmente l'origine della coltivazione è da farsi risalire alla zona mediorientale e in particolare nella Siria e in Palestina. La datazione si fa risalire intorno al 1000 a.C. Molto probabilmente la sua coltivazione è più antica. Comunque l'olio veniva già prodotto dai Greci e dai Romani, macinando e spremendo le uve. Oggi l'olio si fa ancora spremendo le uve, ma con tecnologie moderne. Inoltre oggi si distingue l'olio a seconda del grado di acidità. L'olio extra vergine viene classificato con un contenuto di acido oleico che deve essere minore del 1%. Questo viene detto grado di acidità che a sua volta dipende dalla varietà di olivo (la cultivar) ma anche modi e tipo di raccolta. Oggi è possibile influire sull'acidità grazie alla tecnologia che può accelerare le raccolte delle olive, che una volta si facevano a mano, mentre oggi la raccolta è chiaramente meccanica. Anche l'estrazione e la conservazione sono migliorate nel secolo scorso, tanto da avere degli oli di grande qualità a prezzi accessibili.

olio

Monini BIOS Olio Extra Vergine di Oliva Italiano da Agricoltura Biologica - 1 Bottiglia da 750 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


I gusti dell'olio extravergine

L'olio extravergine viene classificato anche secondo i gusti, nel test enogastronomici, in considerazione dei vari sapori. Le definizioni dei sapori sono:

Dolce: quando l'olio è leggermente profumato, gentile, con il retrogusto ammandorlato

Amaro: quando l'olio non ha un buon sapore, generalmente derivato da olive acerbe. Il gusto è di foglia, che diventa dopo legnoso. L'unica qualità resta il retrogusto legnoso.

Pungente: quando l'olio è fresco, di un bel colore verde lucente e di buon sapore vivace.

Armonico: quando l'olio esprime una buona complessità e completezza. Il corpo è pieno per l'olio migliore.

Caratteristico: si descrive con questa qualità quando l'olio è strettamente legato alla sua zona di produzione. Raramente è un difetto ed esprime sempre le qualità di una zona.

Aggressivo: quando l'olio è disequilibrato, con alcune caratteristiche troppo forti a coprire gli altri sapori.

Ossidato: questa caratteristica si verifica con lunghe esposizioni all'aria, che rovinano l'olio con gusti rancidi che lo rendono immangiabili.

Molle: Quando l'olio è troppo morbido e l'unica caratteristica è un eccessiva oliosità che maschera sapori troppo spenti.

Maturo: quando l'olio ha un bel corpo e il sapore fruttato, leggermente dolce.

Stanco: quando l'olio è troppo avanzato con l'età.


  • olio e salute Quando si pensa all’olio la prima cosa che viene in mente è che si tratti di un tipo di condimento da mettere sugli alimenti a crudo o cotto. Le categorie di olio utilizzato come alimento variano a se...
  • olio e cucina L’olio d’oliva è un elemento fondamentale nelle cucine. Esso non manca mai sulle tavole italiane, ma non solo su quelle. La tradizione dell’olio d’oliva non si limita alla sola Italia. Tutti i paesi c...
  • conosci l^olio L'olio di oliva è il simbolo della tradizione culinaria mediterranea. Molto più che un semplice ingrediente, un vero modo di vivere e di considerare il cibo....
  • olio extravergine pugliese L’olivo è un albero sempreverde che si caratterizza per svilupparsi con notevole facilità all’interno di quegli ambienti caratterizzati da un clima tipicamente arido e asciutto, spesso che si trova ne...

5 litri - NOVELLO Olio extravergine d'oliva OGLIAROLA SALENTINA 100% italiano (spedizione gratuita)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 59,9€


Olio extravergine italiano: Altre caratteristiche organolettiche

Fruttato: l'olio è fruttato generalmente quando è appena pressato, ma questo sapore poi svanisce con il tempo. Alcuni oli invece conservano il sapore fruttato.

Foglia verde: è un retrogusto che si avverte aggiungendo anche alcune foglie fresche alle uve da spremere.

Muschio, noce, sottobosco e nocciola: questi retrogusti compaiono negli oli di qualità.

Carciofo: ottimo sapore molto ricercato, quello del carciofo crudo che rinfresca gli aromi.

Verde: si dice di un olio fruttato in cui si percepiscono sapori erbaceo.

Soave: viene detto di un olio morbido, fornito da frutti maturi, in genere con finali dolci.

Rotondo: si dice di oli pieni prodotti da frutti maturi.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO