Spremitura

I processi di vinificazione

La vinificazione è un processo di trasformazione del succo di uva in vino, attraverso la trasformazione degli zuccheri in alcol, trasformazione che avviene spontaneamente in natura quando questi sono sottoposti all'azione di alcuni enzimi, i saccharomyces cerevisiae.

Naturalmente la vinificazione avviene attraverso varie fasi, che possono differire a seconda del tipo di vino che si vuole ottenere. La principale differenza è tra vini bianchi e vini rossi, e poi tra vini fermi e vini spumante.

Chiaramente la prima fase, dopo la lavorazione in vigneto e la vendemmia, è quella della spremitura, a cui poi seguirà la fermentazione vera e propria, con l'eventuale macerazione e torchiatura per i rossi, e le successive lavorazioni. Per quel che riguarda la spremitura, questa dipende principalmente dalla tipologia di vino che si vuole ottenere nelle due colorazioni bianco e rosso. Se il vino che si intende vinificare è un bianco, la spremitura sarà soffice e rapida, mentre per i rossi energica.

spremitura

Imetec Succovivo Pro 2000 Estrattore di Succo Professionale a Freddo, Spremitura Lenta 48 Giri/Min, 2 Filtri per Succhi, Accessorio per Granite e Sorbetti, Kit per Maschere Bellezza, con Ricettario

Prezzo: in offerta su Amazon a: 159€
(Risparmi 140€)


La spremitura delle uve bianche

Per quel che riguarda la spremitura delle uve bianche, questa deve essere comunque soffice, in quanto gli elementi coloranti, i pigmenti, sono comunque presenti nelle bucce, nei semi e nei raspi. Se questi ultimi possono essere eliminati, altrettanto non si può fare con le altre parti dell'acino. Questi, se estratti con spremiture troppo energiche, potrebbero colorare oltremodo il vino, rovinando del tutto fin da subito la vinificazione e vanificando il lavoro di un'intera stagione.

Scopo della spremitura delle uve bianche è quindi l'estrazione del solo succo, e possibilmente dei profumi, senza per questo far arrivare i pigmenti nel mosto. La spremitura quindi deve essere soffice e molto breve, per evitare qualsiasi contatto con i pigmenti. I raspi inoltre devono sempre essere eliminati, e sono pochissime le vinificazioni in bianco che ne prevedono l'utilizzo.


  • curiosità vino rosso Il vino rosso è conosciuto e apprezzato da secoli. Molti popoli come i romani e i greci ne erano degli ottimi consumatori anche se con abitudini differenti. I greci, ad esempio, preferivano rendere il...
  • curiosita Lo Champagne è sinonimo di eleganza, raffinatezza e alta società. Attorno al suo nome si sono affollate tante leggende e tanti aneddoti che testimoniano quanto fosse importante e apprezzato questo vi...
  • curiosità uva L’uva è un’infruttescenza composta dagli acini, da molti chiamati chicchi o bacche. Essi sono attaccati grazie a dei pedicelli al raspo. L’insieme degli acini forma il grappolo. L’uva può avere un col...
  • brindisi C’è chi li colleziona, per passione o per divertimento, poi c’è chi, bevendo solamente in occasioni particolari, quando stappa una bottiglia di spumante, vi scrive sopra la data annotando l’avveniment...

Confezione regalo Aceto di Moscato - invecchiato 8 anni 90 ml + Olio extravergine di oliva Nocellara. Spremitura a freddo 2017/2018 90 ml | Entrambi prodotti dalla nostra famiglia !

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,5€
(Risparmi 4,5€)


Spremitura: La spremitura delle uve rosse

Per le uve rosse invece non ci sono pericoli di colorazione, anzi, questa è ricercata proprio a partire dalla spremitura. Questa può essere energica e lunga, senza alcun problema. Anche i macchinari utilizzati possono essere più approssimativi, senza compromettere la qualità del vino. Se fare un buon vino non è semplice, altrettanto lo si può affermare per i bianchi, che necessita di precisione cronometrica assoluta, mentre per i rossi, qualche piccolo errore è pur sempre accettabile.

Dopo la spremitura, il succo, oramai mosto, potrà quindi passare alla fermentazione per essere trasformato in vino.



COMMENTI SULL' ARTICOLO